IN BREVE....

  • Fate l'antiparassitario e lo zapper
  • Rimuovete i metalli e i solventi
  • Fate la pulizia dei reni
  • Fate la pulizia del fegato
  • Fate il programma intestinale
  • Lavori dentali per rimuovere gli stafilo e streptococchi
  • Prendete le ricette per eliminare gli stafilo e streptococchi
  • Regolate il vostro pH
  • Correggete la vostra dieta assumendo meno fosfati

Clinicamente si conoscono due tipi principali di artrite, l’osteoartrite e l’artrite reumatoide. Nell’osteoartrite i legamenti contengono batteri che vivono nei depositi che si trovano in essi. Nell’artrite reumatoide i batteri vengono da parassiti più ampi – vermi che effettivamente vivono in queste articolazioni. I vermi sono i piccoli nematodi comuni, le cui piccole uova si schiudono in vermi microscopici che si muovono in continuazione.
 
Abbiamo quattro nematodi comuni: gli ascaris, i vermi nematodi uncinati, gli strongiloidi e la trichinella. Il loro ciclo vitale di solito li fa spostare fino ai polmoni ma in alcune persone viaggiano in tutto il corpo perciò anche nel cervello, nei muscoli e nei legamenti. Saranno necessarie ulteriori ricerche per spiegare tutto questo. Il mio sospetto è che ci siano delle tossine, come il mercurio, il tallio, il cadmio, il piombo come dei solventi, distribuiti in tutto il corpo che abbassano l’immunità e permettono alle piccole larve di insidiarsi. Una volta che il percorso per raggiungere questi organi è stato tracciato, continua ad essere utilizzato anche da altri parassiti. Presto una varietà di parassiti, così come i loro batteri e virus, e gli agenti inquinanti si dirigeranno tutti verso questi organi. 

Osteoartrite o artrite comune

 
 Quando le articolazioni sono doloranti non dobbiamo fare altro che uccidere i batteri con uno zapper elettronico. Fatevi il trattamento con lo zapper giornalmente finchè il dolore non sarà scomparso. Forse non tornerà, ma esiste la possibilità che i batteri abbiano una fonte stabile.

 La fonte più comune per gli stafilococchi e gli streptococchi sono dei piccoli ascessi nell’osso della mandibola, sotto e di fianco alle estrazioni eseguite in passato, ai canali delle radici e alle otturazioni a base di mercurio. Potete ottenere un sollievo immediato dal dolore con una pulizia dentale per poi ritrovarvi di nuovo nella medesima condizione iniziale. Gli Stafilococchi e gli streptococchi sono batteri talmente onnipresenti, che possono derivare non solo dalle infezioni dell’osso della mandibola, ma anche dai calcoli biliari, dai calcoli renali e da altri parassiti. Il trattamento corretto per l’artrite ``e una revisione completa della salute del corpo: una pulizia dell’alimentazione, una pulizia del corpo e una pulizia ambientale.

Iniziate con il programma contro i parassiti a base di erbe. Proseguite con un programma di pulizia dei reni e poi del fegato. Se una qualsiasi tossina viene saltata, in particolare l’amianto e la fibra di vetro, di sicuro troverà il modo di arrivare alle vostre articolazioni e di permettere ai batteri di ritornare a loro volta e provocare dolore. Correggete i livelli di acidità del vostro corpo dopo aver eseguito misurazioni del Ph delle urine

 I depositi artritici contengono fosfati combinati al calcio in gran quantità. Il calcio deriva da altre ossa come per esempio la base della spina dorsale o il polso. In questo punto, a causa della perdita di calcio, le ossa diventano più fragili. Il calcio viene preso dalle ossa per il semplice scopo di neutralizzare il fosfato in eccesso presente nella vostra alimentazione. Riducete il consumo di fosfati (carne, bevande gassate, cereali) della metà, sostituendoli con pesce, latte, verdure e frutta. Bevete tre bicchieri di latte al giorno. Se siete allergici al latte fate varie pulizie del fegato, cambiate marca di latte, usate delle sostanze che vi permettano di digerire il latte, ed usatelo anche per cucinare. Il formaggio e i fiocchi di latte non sono sostituti del latte (il calcio è rimasto nel siero). I latticini devono essere bolliti prima di essere consumati e non devono contenere meno del 2% di grassi. Per assorbire il calcio è necessaria la bile, e inoltre il latte con meno del 2% di grasso non fa svuotare la vescica biliare in un solo pasto.

 Se non siete abituati ai latticini, iniziate lentamente e arrivate gradualmente alle tre tazze giornaliere necessarie.

 

Artrite reumatoide

Quando, oltre al dolore, anche infiammazioni e rigonfiamenti affliggono le vostre articolazioni, si parla di artrite reumatoide. Inoltre, gli esami del sangue possono rivelare che è presente un “fattore reumatoide”. In questo caso, i piccoli nematodi comuni hanno invaso le vostre articolazioni. Ritratta di ascaridi, anchilostoma, strongiloide e trichinella. Le loro uova si trovano ovunque attorno a noi, nella polvere, nella sporcizia, nello sporco sotto le unghie e nelle nostre stesse feci.

 Un’igiene maggiore è la nostra prima difesa. Lavatevi le unghie con l’alcol dopo aver pulito le feci o dopo aver cambiato i pannolini dei bambini. Non tollerate mai le unghie lunghe in alcun membro della f miglia. Se non riuscite a far rispettare questa disciplina, non permettete che qualcuno con le unghie lunghe prepari da mangiare a meno che non utilizzi i guanti. Questa persona potrebbe non ammalarsi a causa dei parassiti della famiglia, ma voi si. Naturalmente potete uccidere i parassiti con uno zapper (internamente, non quelli che si trovano sotto le unghie), ma questo solo dopo che siete stati infettati. Poi li potete prendere di nuovo. Sarebbe saggio fare lo zapping per uccidere i nematodi una volta alla settimana, per sicurezza.

 Accertatevi che i vostri animali domestici seguano il trattamento alle erbe contro i parassiti oppure fate loro lo zapping. Un animale domestico che esce di casa riporterà questi nematodi in casa di nuovo. Se possibile regalate i vostri animali domestici.

 Fate controlli per verificare se avete problemi ai denti. Fate la pulizia dentale Poi fate la pulizia dei reni e del fegato.
 
 Potrete ottenere un sollievo dal dolore e iniziare a guarire subito dopo la fine dello zapping ma, in ogni caso, è saggio seguire tutto il programma di salute. Cambiate alimentazione. Riducete il consumo di fosfati, iniziate ad usare il latte sterilizzato per assumere calcio. Dalla carne passate al pesce. Bevete molta più acqua. Utilizzate solo bevande (vedi Ricette) e cibi innocui. Passate a prodotti per il corpo liberi da tossine. Vivete in una casa non tossica. Seguite un programma di mantenimento contro i parassiti a base di erbe e fate lo zapping regolarmente. Continuate il programma di pulizia dei reni per tre-sei settimane e ripetete una sessione alla settimana una volta ogni qualche mese per continuare a rimuovere i depositi che potrebbero anche scegliere queste articolazioni malate per insediarsi. Le ginocchia sono il luogo preferito dall’artrite reumatoide e dipendono molto dai reni.

Riassumendo, fate le stesse cose prescritte per l’osteoartrite, enfatizzando l’eliminazione dei parassiti nematodi.
  

Artrite allergica

 
Una tossina del cibo rilevante che si dice affligga le ginocchia `la piperina, che si trova nella famiglia del pepe e che include il pepe nero e bianco (non il pepe di cayenna). La famiglia delle piante delle Solanacee (patate, pomodori, melanzane, tabacco!) ha anch’essa un “allergene” che produce dolore alle articolazioni. Cercate di sospendere l’assunzione di questi cibi per due settimane per vedere se aiuta. Altri due elementi chimici possono provocare dolori simili a quelli dell’artrite e sono l’acido ippurico e il fenilisotiocianato.
 
Il nostro corpo produce molto acido ippurico, fino ad un grammo al giorno. Si tratta del prodotto della disintossicazione dell’acido benzoico effettuata dal fegato. Alcuni frutti contengono acido benzoico naturale. Ma è possibile triplicare e quadruplicare il nostro apporto di acido benzoico consumando bevande commerciali e prodotti di pasticceria dove l’acido benzoico viene usato come conservante. Si tratta in effetti di un conservante “naturale”. Deve essere tutto disintossicato, però, e questo dà origine a troppo acido ippurico. I reni non sono in grado di secernere delle quantità tali di acido ippurico e di conseguenza questo si distribuisce nei nostri organi. Sospetto che un semplice meccanismo possa spiegare il modo in cui provoca dolore: molecole di acido ippurico sono in grado di attaccarsi ai nostri canali di conduttività delle cellule mantenendone le porte spalancate. Questo potrebbe invitare i batteri e i virus ad entrare. Ma ci sono anche dei batteri che amano l’acido ippurico e che se ne cibano. Forse l’acido ippurico può provocare dolore senza l’aiuto dei batteri. Questo richiede uno studio ulteriore. Ha senso non consumare cibi che contengono acido benzoico (o benzoato) solo per le persone che soffrono di un dolore

 Il fenilisotiocianato è un agente chimico che si trova in particolar modo nei polli, nelle uova, nella famiglia dei cavoli e nei piselli. Fa anche parte degli agenti chimici naturali del corpo; si trova nel fegato e ha a che fare con la disintossicazione dei cibi che contengono cianuro. Molte verdure, in particolare quelle della famiglia dei cavoli, contengono cianuro, che dà loro protezione dagli insetti, dalle malattie e dagli animali che pascolano. Il fegato può impiegare una settimana per disintossicare un pasto che contiene cianuro: nel frattempo i livelli di fenilisotiocianato sono più alti  nel corpo. Il fenilisotiocianato è molto reattivo. Infatti è l’agente chimico che viene utilizzato come reagente generale con gli aminoacidi, nella ben nota reazione detta Degradazione di Edman. Ma a questo punto il vostro corpo è un beuta reattiva, che fornisce aminoacidi. Dato che tutti gli organi forniscono aminoacidi, non c’è da stupirsi se sono tutti in grado di reagire al fenilisotiocianato, provocando reazioni allergiche multiple e dolore.
 
 Se soffrite di un qualsiasi tipo di artrite, smettete di mangiare i cibi ad alto contenuto di fenilsotiocianato e pulite il fegato finchè non sarete liberi da tutte le allergie di cui siete a conoscenza. Il fegato sarà in grado di nuovo di disintossicare i cianuri per voi in un tempo ragionevole e voi potrete mangiarli nuovamente. Questi cibi portano molti benefici, naturalmente.

 Il dolore alle articolazioni, o l’artrite erano noti fin dall’antichità, molto prima che i cani e i gatti venissero tenuti in casa come animali domestici e ci dessero i loro parassiti. Anche i maiali e i cavalli ospitano questi nematodi e magari in passato erano loro la fonte del problema.
 
 Le erbe e i trattamenti che aiutano l’artrite sono perciò tantissimi. Possono agir uccidendo i nematodi, i batteri e i virus oppure aiutando a metabolizzare l’acido ippurico e il fenilisotiocianato. I trattamenti omeopatici, così come i massaggi, il calore e gli strumenti elettronici aiutano anch’essi. Vista l’ampia gamma di trattamenti efficaci che risalgono al passato, perché nessuno di essi è una cura permanente? La risposta è semplice. I nematodi comuni sono ovunque attorno a noi, l’igiene è scarsa e il nostro stile di vita civilizzato porta a formazioni di depositi che invitano i batteri. Ma sapendo questo è possibile fermare il dolore e rimuovere le cause, per essere tra i primi che raggiungono una cura permanente.
 
 (tratto dal libro: “La Cura di tutte le Malattie”; Copyright Macro Edizioni, p. 79)

<?php echo JText::_( 'TPL_CLARK_DONATION' ); ?>

Donate

I nostri servizi sono svolti da volontari che offrono gratuitamente il loro tempo.
Sarebbe molto apprezzata una donazione minima di €3.00 o più per aiutarci a coprire le spese. Grazie!

TPL_CLARK_THUMB_UP