Banner

Argento colloidale

Già migliaia di anni fa l’argento era conosciuto per le sue proprietà disinfettanti e antibatteriche. L’argento colloidale è molto efficace a motivo delle sue particelle molto piccole che permettono una superficie attiva moltiplicata.

Cos'è l'argento colloidale?

L’argento colloidale è il risultato di un processo elettrolitico che, nell’acqua, tira particelle submicroscopiche di argento da un pezzo più grande di argento puro. Queste particelle sono tenute in sospensione da cariche elettriche molto piccole. Essendo utilizzato in particelle tanto minute, l’argento riesce a penetrare e percorrere più facilmente il nostro corpo.

Effetti

È stato dimostrato che l’argento colloidale è in grado di distruggere batteri, funghi, virus e anche cellule tumorali; riesce inoltre a stimolare lo sviluppo osseo e la guarigione delle ferite, comprese quelle provocate da gravi bruciature. Messo a confronto con l’antibiotico tradizionale, l’effetto dell’argento colloidale è più efficace e inoltre ben tollerato in quanto viene assorbito nella parte superiore dell’intestino tratto, evitando così di alterare la flora batterica situata nella parte inferiore dell’intestino tratto.

L’effetto dell’argento è specifico per le strutture cellulari. Le cellule che non possiedono una parete chimica resistente vengono sottoposte all’azione dell’argento, inclusi batteri e altri organismi che non hanno parete cellulare, come ad esempio i virus extracellulari. L’argento non ha alcun effetto sulle cellule mammarie dato che hanno un rivestimento cellulare totalmente diverso.

Effetti collaterali

Per la persona, l’argento ha una tossicità marginale. Due cucchiai da tavola al giorno, contengono una percentuale di argento inferiore ai limiti stabiliti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Argento colloidale e terapia Clark

La Dr.ssa Clark raccomanda l’uso dell’argento colloidale principalmente come antisettico, durante e dopo interventi dentali. Dopo i pasti sei gocce di argento colloidale sullo spazzolino e un cucchiaio come collutorio, per gargarismi o anche deglutito, sono particolarmente efficaci contro il Clostridio. Per alleviare il dolore il dosaggio raccomandato consiste nell’assunzione di un cucchiaio ogni 10 minuti finché il dolore non diminuisce, fino a un massimo di 120 ml nella situazioni più acute.

Per un uso normale:
2 cucchiaini da tè al giorno per tre settimane

">

Iscriviti oggi!

E-NEWS con aggiornamenti Dr. Clark

Facebook Twitter Google+ Addthis

GRATIS Canale Video

Guardare video gratuito in linea

Intervista con
la Dr Hulda Clark

Guardare video gratuito in linea
Ordinare DVD gratuito

Join us on FacebookJoin Us On Facebook

Login



Banner

Per saperne di più...

... sullo Zapper, avveniristica invenzione della dottoressa Clark, e sulla famosa Pulizia del Fegato

Donate

I nostri servizi sono svolti da volontari che offrono gratuitamente il loro tempo. Sarebbe molto apprezzata una donazione minima di €3.00 o più per aiutarci a coprire le spese. Grazie!